2020 - Post Scriptum

Ritorna a REPORT EDITORIALI


Avrei preferito non dovere scrivere queste ultime pagine ma, da che ho cominciato a raccogliere queste idee in un unico file, Ŕ passato molto tempo e molte cose sono accadute.
Sono trascorsi gli anni, innanzitutto e il mondo ha vissuto eventi che erano immaginabili solo in un film di fantascienza.

COVID19 ce l’ha messa tutta per ostacolare le nostre attivitÓ didattiche e sportive e continua a farlo con ostentata soddisfazione.

Peraltro, lamentarsi di non potere pi¨ partecipare alle gare di Nordic Walking quando, nel recentissimo passato, abbiamo assistito al tragico spettacolo di carovane di camion militari che portavano all’ultimo commiato una generazione di anziani falcidiata dalla pandemia, valicherebbe i limiti del buon gusto e di quanto sia umanamente accettabile, quindi si impone un rispettoso silenzio sull’argomento.

Le gare sono ferme; se sarÓ possibile farle ripartire, se qualcuno ci verrÓ e se ci sarÓ un futuro in questo settore, tanto meglio, se no camperemo senza.
Poi ci si Ŕ messa anche la mia vecchia carcassa a fare le bizze, rifilandomi un inatteso malanno che mi ha convinto che il momento di dire “basta” agli enormi carichi fisici dell’attivitÓ agonistica fosse definitivamente giunto.

Per finire, il mondo stesso, l’andamento delle cose, dell’economia, della societÓ e della socialitÓ, della testa della gente e delle idee stesse hanno contribuito in maniera notevole a fare vacillare gli orizzonti e a rendere molto difficile guardare verso il futuro.

Insomma, per me davvero Ŕ venuto il momento di riporre i bastoni, almeno dal punto di vista agonistico e farne esclusivamente uno strumento utile ad insegnare la buona postura e la buona salute, allenare atleti, formare nuovi docenti, mantenere amicizie, combattere il proliferare della pancia e vivere qualche ora di sereno svago, senza altre velleitÓ.

GiÓ diversi anni fa conclusi un mio libro citando il “panta rei” che la tradizione filosofica vuole attribuito ad Eraclito e che raccoglie l’essenza della vita stessa; anche stavolta ci hanno pensato la vita e il suo lento, ma inesorabile scorrere, a decidere per me relativamente a scelte che, immaginavo, avrei operato in maniera ben diversa.

Abbiamo fatto tanto, abbiamo dato tanto, abbiamo ricevuto in proporzione al lavoro svolto; l’obiettivo, oggi, Ŕ quello di godermi gli anni della saggezza in maniera tranquilla e, a Dio piacendo, sana e serena.

Non so a quanti sia piaciuto il mio operato nel mondo del Nordic Walking.

Di sicuro so di avere dato fastidio a qualcuno, di avere decisamente rotto le balle ad altri e di avere condizionato in qualche modo l’operato di molti, contribuendo cosý a mantenere il nostro sport entro limiti di decenza che, in altre aree geografiche e senza la presenza di un cocciuto bastian contrario quale sono io, sono stati ampissimamente superati, trasformando uno sport nobile in qualcosa di realmente ridicolo.

Di questo me ne vanto e questo Ŕ il retaggio che lascio a chi continuerÓ a percorrere la strada da me segnata.

Non saranno le autostrade larghe e comode a spazzare via la debole linea di gesso tracciata tanti anni fa, almeno fino a che ci sarÓ qualcuno che continuerÓ a credere in quanto abbiamo fatto, dimostrato, insegnato e coerentemente difeso, spesso pagando pegno.

E allora, al momento di abbassare il sipario, mi viene naturale salutare tutti alla maniera della Commedia dell’Arte, con ampi ringraziamenti ed inchini per coloro che sono stati a guardare il palcoscenico della mia vita e, in qualche modo, hanno contribuito a mettere tanto entusiasmo nel mio animo e tante soddisfazioni nella mia memoria.

Ma, da quel rompiscatole che sono, permettetemi anche di salutare taluni spettatori della mia lunga carriera nell’ambito del Nordic Walking con un malcelato ghigno beffardo, come quello che Arlecchino porta stampato sul viso; e allora…

“…grassie si˛r, grassie nobili spÚtatori;
grassie a chi bate i man.
E a chi no ghe va de batere i man…
…ma va’ in m˛na de to mÓre, va…”


Ritorna a REPORT EDITORIALI